Esercizi di scrittura

Logo agora

Periodico del liceo Mameli

Una finestra sulla città

di Francesca Lucaroni

Finestra sulla città

"Non esiste prospettiva senza due punti di vista (cit.)"

Anche se è mattina, fanno i fuochi d’artificio, non capisco perché, tanto non li possono vedere con la luce. Sono i fuochi d’artificio più forti che io ho mai sentito e anche se metto la testa sotto il cuscino, mi urlano nelle orecchie. Il mio cuscino ora non so proprio dove sia, ieri casa mia è stata rotta da qualcuno. Meno male che io e mamma eravamo dalla nonna. Mio fratello più grande, Mirko, no, invece. Con mamma siamo tornate a cercare le nostre cose e a cercare Mirko, ma era tutto in disordine e pieno di pezzi di casa e polvere, anche la mia stanza, ma mamma non si è arrabbiata. Nel muro della mia camera, dove prima c’era la foto grande con me e Mirko, si è aperto un buco gigante e ora riesco a vedere nella casa del palazzo davanti e tutta la città. Mirko non c’è. Mamma dice che dobbiamo andare in campeggio, come d’estate, ma condivideremo una tenda enorme con tante altre persone. A me non mi va molto e poi vorrei tanto sapere chi è questa persona che ci ha lasciato senza Mirko e senza casa. Secondo me, nemmeno lui mi conosce, però io so che per litigare bisogna prima essere amici. Spero che almeno verrà a chiederci scusa, quando gli sarà passata. 

Cadono ancora missili sulla città, questo è lo scenario all’alba di stamattina. Nella cittadella vecchia sono stati distrutti alcuni edifici residenziali e il numero delle vittime civili è incerto e in crescente aumento, considerando che da quando gli scontri sono iniziati, tre giorni fa, gli attacchi si sono solamente intensificati. I soccorsi si stanno adoperando per far evacuare i superstiti, proteggendo i civili che rischiano la vita per cercare i famigliari e recuperare tra le macerie gli effetti personali. Il governo si sta preoccupando di predisporre, in luoghi sicuri, rifugi per gli sfollati. È stato firmato un decreto per arruolare il 10% dei soldati in più, giovani ragazzi della nostra nazione, ma la guerra continua senza sostanziali avanzamenti da nessuna delle due parti. Nonostante i rispettivi compromessi proposti, nessuno dei due governi ha intenzione di compiere passi decisivi a favore di una pace.